Fotogallery

di Massimo Greco - da "il Piccolo" 05 dicembre 2016

"> Fotogallery

di Massimo Greco - da "il Piccolo" 05 dicembre 2016

" />
News
05/12/2016

Trieste, da Italspurghi 125 container nelle province terremotate

TRIESTE Anche l’imprenditoria triestina partecipa alle operazioni pianificate per tentare di riportare un minimo di vivibilità nelle aree del Centro Italia, a più riprese colpite dalle scosse telluriche, verificatesi prima nell’estate poi nell’autunno di quest’anno.

L’autoctona Itaspurghi, in associazione temporanea d’impresa con Eps Italia, ha vinto un appalto bandito dal Dipartimento della Protezione civile per fornire moduli abitativi tipo container, nei quali le famiglie terremotate potranno temporaneamente ripararsi, in attesa che nelle zone disastrate giungano le più confortevoli strutture in legno. Un primo lotto che ha visto aggiudicatarie sei aziende: gli altri lotti riguardano gli arredamenti e le lavanderie.

In particolare, l’azienda triestina si è impegnata a fornire 125 moduli noleggiadoli a 500 mila euro ogni sei mesi, stesse condizioni per la partner Eps. Come ricorda Mattia Cergol, consigliere di amministrazione della società e figlio del “capostipite” Gianfranco, la prima tranche, composta da una decina di container, raggiungerà con urgenza Norcia in provincia di Perugia il prossimo 8 dicembre mediante trasporto stradale, per essere utilizzabile prima di Natale.

Una seconda spedizione è prevista per il 28 dicembre con destinazione Tolentino, in provincia di Macerata. In un primo tempo l’intervento di Itaspurghi era stato previsto per supportare la situazione venutasi a creare in seguito al sisma estivo, adesso - spiega Cergol jr - le procedure di soccorso sono state unificate con quelle riguardanti il disastro autunnale.

Ogni Comune coinvolto valuta il fabbisogno abitativo, quindi avviene l’assegnazione dei moduli che vengono posizionati in aree definite dalla Protezione Civile e allestite dall’Esercito. Il modulo, che sarà consegnato da Italspurghi, è lungo 6 metri e largo 2,5, è componibile, può ospitare tre letti. La gara vinta da Italspurghi vale sei mesi eventualmente prorogabili.

L’azienda triestina ha festeggiato un paio d’anni fa i trent’anni di vita imprenditoriale, essendo stata fondata nel 1984 da Gianfranco Cergol. Fattura circa 10 milioni di euro, dà lavoro a un’ottantina di dipendenti cui si aggiungono alcuni addetti indiretti, opera con un’ottantina di mezzi che serve una platea di circa mille utenti tra clienti pubblici e privati.

Nel campionario delle attività proposte è preponderante quella ecologico-ambientale (spurgo, bonifica, igiene urbana), ma non esclusiva, come dimostra la stessa operazione-terremoto. con l’approvvigionamento dei moduli. Nell’estate dello scorso anno furono le squadre di Italspurghi, in collaborazione con la Midolini, a tagliare due ponti della vecchia teleferica Italcementi.

Gianfranco Cergol si è impegnato anche sul versante sportivo come sponsor del calcio e del basket. Un paio di anni fa fu al centro di un interessante caso giudiziario: venne assolto dall’accusa di non aver versato 295 mila euro dell’Iva del 2006, in quanto in quel momento Italspurghi era in difficoltà finanziaria e non era in grado di ottemperare al pagamento del tributo.

Dove siamo

Per visualizzare la cartina intera clicca qui

Contattaci

Italspurghi Ecologia S.r.l. - Partita IVA IT00310550322

Via Josip Ressel, 2
34018 S. Dorligo della Valle
Trieste (TS)

(apri mappa)

+39 040 2821082

info@italspurghi.it

www.italspurghi.it

Richiesta contatto

Ai sensi della normativa sulla protezione dei dati personali dichiaro di aver preso visione dell’informativa
e autorizzo il trattamento dei dati.